SENTENZA DEL GIUDICE SALVINI SULLA STRATEGIA DELLA TENSIONE (FEBBRAIO 1988)

 

PARTE SESTA - 65

 

L’attività di infiltrazione di Robert Leroy in gruppi filo-cinesi italiani alla fine degli anni ‘60

 

 

Nel corso delle indagini, questo Ufficio ha proceduto presso il S.I.S.Mi. all’acquisizione del fascicolo del S.I.D. aperto negli anni ‘60 nei confronti di Robert LEROY, francese di orientamento cattolico tradizionalista il quale, nella seconda guerra mondiale, si era arruolato nelle WAFFEN SS, era stato condannato da una Corte francese a 20 anni di lavori forzati per collaborazionismo con i tedeschi e in seguito graziato; negli anni ‘60 era poi divenuto braccio destro di GUERIN SERAC nell’AGINTER PRESS e in ORDRE ET TRADITION e come tale era stato indicato nell’appunto del S.I.D. del 16.12.1969 concernente gli attentati appena avvenuti.

 

 

La figura di Robert LEROY (sulla quale si veda anche VINCIGUERRA, dep. a personale del R.O.S., 15.2.1995, f.4), benché deceduto nel 1982, poteva essere di particolare interesse poiché egli negli anni ‘60, spacciatosi per filo-cinese, per conto dell’AGINTER PRESS si era infiltrato in movimenti di liberazione africani (in particolare nel FRE.LI.MO., operante in Mozambico) al fine di creare dissidi interni; inoltre, avendo frequentato il nostro Paese verso la fine degli anni ‘60 (era, fra l’altro, stato presente insieme al dr. MAGGI al Convegno di Nuovo Ordine Europeo, ad Abbiategrasso, nel marzo 1967), era possibile che un’attività di tal genere fosse avvenuta anche in Italia nel periodo che aveva preceduto la strategia terroristica.

 

 

La ricerca effettuata esaminando il fascicolo intestato a Robert LEROY, già presente occasionalmente in Italia sin dall’inizio del 1966, dava esito positivo.

 

 

Infatti risultava che Robert LEROY aveva fondato nella zona di Marsiglia, ove all’epoca risiedeva, un sedicente movimento filo-cinese, si era messo in contatto con l’Ambasciata della Cina a Berna (l’unica esistente nell’Europa Occidentale alla fine degli anni ‘60) e aveva quindi attivato contatti con l’Italia (cfr. nota del Centro C.S. di Milano in data 20.3.1967, di fonte BILL, identificato nel cittadino svizzero Gerard BUILLARD, elemento "filo-cinese" politicamente anch’egli legato all’estrema destra e divenuto fonte del S.I.D., vol.40, fasc.7, ff.4 e ss.).

 

 

Si noti che non è possibile sapere con certezza se l‘accreditamento di LEROY e BUILLARD da parte dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese sia stato un infortunio della diplomazia cinese o una scelta deliberata della stessa che, accecata dal proprio odio per la linea comunista ortodossa e filosovietica, abbia scelto di rendersi disponibile a qualsiasi tipo di alleanza pur di contrastare il nemico "revisionista" (sul punto cfr. ampiamente la perizia del dr. Aldo Giannuli, vol.22, ff.169 e ss.).

 

 

Comunque sia, Robert LEROY e Gerard BUILLARD avevano partecipato, a Torino nell’ottobre 1967, ad alcune riunioni di un gruppo filo-cinese, denominato FRONTE RIVOLUZIONARIO CLANDESTINO, con l’evidente intento di favorire lo sviluppo di un gruppo oltranzista disposto a scendere sul terreno dell’illegalità e a commettere azioni provocatorie dannose per tutta l’area di sinistra.

 

 

Tale notizia discendeva da un appunto del Centro C.S. del S.I.D. di Milano in data 8.11.1967 (cfr. vol.40, fasc.7, ff.18 e ss.), di fonte METO, appunto che, per il suo carattere dettagliato, comportava che la stessa fonte fosse stata presente alle riunioni.

 

 

Questo Ufficio richiedeva quindi al S.I.S.Mi. l’intera produzione della fonte METO, produzione trasmessa dalla Direzione del Servizio in data 12.7.1993 (cfr. vol.39, fasc.2) e molto ampia in quanto METO aveva svolto l’attività di fonte per il S.I.D. nel campo dell’estrema sinistra (probabilmente in ragione di iniziali pressioni connesse ad attività illecite svolte nell’ambiente estremista) per oltre un decennio, dal 1966 al 1977.

 

 

L’esame della documentazione consentiva facilmente di appurare che METO (il vero nome è in atti), nella seconda metà degli anni ‘60, era un giovane militante filo-cinese, passato negli anni ‘70 alla militanza in gruppi della "sinistra rivoluzionaria" milanese e, in seguito, coinvolto in attività terroristiche di un certo livello che lo avevano portato a sganciarsi dalla sua attività per il S.I.D., vissuta certamente per molti anni come una sorta di ricatto.

 

 

Nel fascicolo di METO risultava presente una copia dell’appunto dell’8.11.1967 concernente le riunioni di Torino (cfr. vol.39, fasc.4, ff.394 e ss.) nonché, per quanto concerne la fine degli anni ‘60, numerosissime altre informative riguardanti i gruppi filo-cinesi, le Edizioni ORIENTE di Milano, i gruppi universitari animati da Renato CURCIO, il P.S.I.U.P. e così via.

 

 

METO veniva quindi sentito da questo Ufficio in qualità di testimone e faceva presente di aver appunto frequentato, alla fine degli anni ‘60, vari gruppi filo-cinesi e le Edizioni ORIENTE di Milano, ricordando di aver incontrato alcune volte, presso la sede delle Edizioni ORIENTE, Gerard BUILLARD che si era presentato come esponente di un gruppo filo-cinese svizzero e come ex-partigiano (dep. 15.6.1993, ff.1-2).

 

 

Il comportamento di BUILLARD aveva destato sospetti in tale ambiente in quanto egli aveva fatto presente con insistenza di poter procurare armi senza difficoltà dalla Svizzera (dep. citata, f.2).

 

 

METO ricordava anche il gruppo "FRONTE RIVOLUZIONARIO", con sedi a Torino e ad Aosta, citato nell’appunto e anche di aver avuto vari contatti con esponenti di tale piccola formazione, pur non potendo ricordare, in ragione del tempo trascorso e del sovrapporsi in quell’epoca di numerosissime iniziative simili, se alle riunioni fosse presente lo stesso BUILLARD o un cittadino francese chiamato Robert LEROY (dep. citata, f.2).

 

 

METO ha infine riconosciuto BUILLARD in una fotografia tratta dal fascicolo del S.I.D. a questi intestato (dep. 30.8.1993, f.1), all’interno del quale è contenuta anche la copia di una lettera indirizzata nel 1967 dallo stesso METO a BUILLARD (cfr. vol.38, fasc.2, f.8).

 

 

Inoltre, nel fascicolo intestato a Gerard BUILLARD quale fonte BILL (cfr. vol.38, fasc.3) è presente la trascrizione della registrazione di un colloquio avvenuto presso l’Ambasciata d’Italia a Berna, il 6.3.1967, fra "BILL" e due esponenti del Centro C.S. di Milano nell’ambito del quale lo svizzero offre i suoi servigi ai funzionari del Servizio italiano (curiosamente per spiare lo stesso ambiente in cui il S.I.D. dispone già della fonte METO) e fa tra l’altro presente che Robert LEROY è in contatto con l’Ambasciata cinese a Berna, dispone di molto denaro e frequenta Roma e Milano con una certa regolarità (cfr. nota del Centro C.S. di Milano in data 10.3.1967, vol.38, fasc.3, ff.86-87).

 

 

Vi sono quindi elementi sufficienti per affermare che quanto riportato nell’appunto della fonte METO è esatto e che Robert LEROY, con l’aiuto di Gerard BUILLARD, stesse operando un’attività di infiltrazione dopo essersi "accreditato" presso l’Ambasciata cinese a Berna.

 

 

La prova che Robert LEROY, alla fine degli anni ‘60, si sia infiltrato in gruppi filo-cinesi italiani è densa di significati.

 

 

Testimonia infatti che gli uomini dell’AGINTER PRESS agivano direttamente nel nostro Paese, uno dei Paesi più a rischio nel conflitto non dichiarato fra l’Occidente e il mondo comunista, e che anche in Italia doveva essere sperimentato quel protocollo di intervento che prevedeva, prima di ogni altra cosa e prima della difesa preventiva mediante il terrore, l’infiltrazione nel campo avverso per seminare confusione e creare le condizioni affinché la responsabilità degli attentati più gravi fosse attribuita alle forze "sovversive".

 

 

Esattamente la stessa strategia preparatoria che, a partire dall’anno successivo alle riunioni di Robert LEROY a Torino, sarebbe stata utilizzata da Mario MERLINO a Roma e da Giovanni VENTURA a Padova, rispettivamente negli ambienti anarchici e filo-cinesi, per costituire un paravento di sinistra a quanto si stava progettando.