SENTENZA DEL GIUDICE SALVINI SULLA STRATEGIA DELLA TENSIONE (FEBRRAIO 1988)

 

PARTE SESTA - 63

 

Le dichiarazioni di Pierluigi Concutelli, Francesco Zaffoni e altri testimoni relative al gruppo di Madrid

 

 

Non è stato facile, per ragioni facilmente comprensibili, acquisire altre dichiarazioni di riscontro in merito al gruppo che alla metà degli anni ‘70 operava a Madrid, formato da latitanti di varie nazionalità in prevalenza difficilmente rintracciabili e comunque poco disponibili a parlare delle "operazioni" illecite e sovente sanguinarie di cui erano stati protagonisti.

 

 

Tuttavia, Pierluigi CONCUTELLI, rifugiatosi a Madrid dal 1975 al 1977 in stretto contatto con Giancarlo ROGNONI e Stefano DELLE CHIAIE e molto probabilmente utilizzato, in ragione delle sue capacità militari, in azioni contro militanti dell’E.T.A. e contro altri militanti antifascisti, ha accettato di fornire una sua timida ricostruzione di tale ambiente e dei suoi rapporti con GUERIN SERAC.

 

 

Le sue dichiarazioni, rese in data 28.5.1993, meritano di essere riportate nei loro passi salienti:

 

 

"...Con SERAC c’erano portoghesi, francesi ex-O.A.S., italiani e anche persone di origine croata.

Soprattutto, comunque, portoghesi e ricordo che SERAC aveva progettato l’infiltrazione in territorio portoghese, con provenienza dalla Spagna, di piccoli nuclei dotati di trasmittenti a corto raggio, ma in grado, nell’ambito di tale potenzialità, di sovrapporsi alle trasmissioni delle emittenti legali.

Non so se poi il progetto ebbe buon esito.

La netta sensazione che avevo era che SERAC, il quale assumeva ormai di essere un ex-agente dei servizi francesi diventato autonomo, fosse in realtà in servizio attivo e beneficiante di ampia copertura e libertà d’azione.

Dava cioè l’impressione di essere un agente importante, impressione che una serie di avvenimenti successivi hanno ampiamente confermato.

Ho conosciuto CASTOR, che a SERAC certamente faceva riferimento; era un cittadino americano che parlava talvolta come sua ex residenza dello Stato dello UTAH, ricordando in tale Stato la presenza dei mormoni.

Penso di poter affermare che CASTOR fosse il referente della C.I.A. a Madrid.

CASTOR fu arrestato in Algeria insieme ad un francese di questo gruppo e in seguito GUERIN SERAC e il fratello del francese catturato in Algeria mi proposero un’operazione di sequestro aereo consistente nel dirottamento di un aeromobile algerino sulla tratta Bruxelles/Nord-Africa.

Avevo buoni motivi per rifiutare la proposta e lo feci: non volevo affrontare, per motivi che non condividevo, un rischio molto alto cui non ero obbligato in nessun modo.

Il progetto di sequestro dell’aereo era finalizzato, ovviamente, a chiedere il rilascio di CASTOR e del francese.

Ho conosciuto JEAN DENIS, che era un cittadino francese che ho visto sia a Madrid che in Francia.

La prima volta lo conobbi perché mi fu presentato da DELLE CHIAIE, poi approfondii la conoscenza per mio conto e lo incontrai in diverse occasioni...

Il DENIS era interessato ad un progetto che riguardava la presa del potere nelle Azzorre, costituendo un movimento apparentemente anti-imperialista, ma comunque fittizio e finalizzato soprattutto agli interessi americani.

Questo DENIS conosceva GUERIN SERAC, ma l’impressione era che avessero due gruppi autonomi e che DENIS fosse più strettamente all’interno del controllo dei servizi di sicurezza.

A domanda dell’Ufficio, ho avuto notizia di un intervento dello stesso tipo in Costarica e in Guatemala, nel 1974, anche con la presenza di italiani.

Doveva essere ripetuto nel 1976, ma il secondo episodio non si verificò.

Per quanto ho potuto constatare, GUERIN SERAC e DELLE CHIAIE trattavano fra loro alla pari.

Io, a un certo punto, al mio ritorno dall’Angola, ruppi questa situazione e tornai in Italia in quanto avvertivo netto il pericolo di compromissione con apparati dei servizi segreti.

Sostanzialmente questo ambiente costituiva una struttura di servizio formata da individui provenienti da vari ambienti e situazioni aventi fra loro come fattore di coesione la mancanza di mezzi e la necessità di dipendere da chi volesse organizzarli e mantenerli.

Posso aggiungere che GUERIN SERAC aveva vari soprannomi, fra cui quello di JUSTO, e che in sostanza appariva l’uomo capace di entrare e uscire dalle situazioni il che faceva supporre che fosse tutt’altro che l’avventuriero velleitario che voleva apparire, ma piuttosto un uomo legato strettamente al mondo dei Servizi.

Era indubbiamente un influenzatore di uomini e un manipolatore di situazioni.

Dopo venti anni, la definizione che mi sembra più attagliante al personaggio è "agente provocatore in missione".

(CONCUTELLI, dep. 28.5.1993).

 

 

 

Gli spunti forniti da Pierluigi CONCUTELLI, che pur ha evitato accuratamente di far riferimento ad episodi concreti che lo avevano certamente visto come protagonista, sono in piena corrispondenza con quanto delineato da Vincenzo VINCIGUERRA in merito al ruolo di GUERIN SERAC e Jay Simon SALBY, uomini di fiducia per operazioni "sporche" dei servizi di sicurezza americani e in talune occasioni, probabilmente, anche dei servizi di sicurezza francesi.

 

 

Anche Francesco ZAFFONI, un militante minore del gruppo "La Fenice" di cui si è ampiamente parlato nel capitolo 10, a lungo latitante in Spagna per sfuggire ad una condanna inflittagli dall’A.G. di Milano, seppur non inserito come Pierluigi CONCUTELLI in ambiti operativi, era entrato in contatto con l’ "americano" e cioè con Jay Simon SALBY, detto CASTOR.

 

 

Egli ha infatti dichiarato che l’americano soprannominato CASTOR, prima di essere arrestato in Algeria insieme a Noel CHERID, era utilizzato in operazioni contro i militanti dell’E.T.A. insieme ad un italiano soprannominato CARLO, all’epoca nome di battaglia di Mario RICCI (dep. a personale del R.O.S., 14.3.1996, f.3).

 

 

CASTOR, prima di entrare a far parte, a Madrid, del gruppo dell’AGINTER PRESS, aveva partecipato al tentativo di sbarco a Cuba finalizzato al rovesciamento del Governo di FIDEL CASTRO e cioè l’operazione della Baia dei Porci, fallita senza raggiungere il suo obiettivo (dep. citata, f.3).

 

 

Anche tale circostanza, già ricordata da Vincenzo VINCIGUERRA, è sintomatica di come fossero stretti, seppur non ufficiali, i rapporti fra la struttura di GUERIN SERAC e gli ambienti americani interessati ad operazioni "coperte".

 

 

Infine, anche Salvatore FRANCIA, altro ordinovista rifugiatosi per molti anni a Madrid, pur nel contesto di una deposizione assai cauta, ha ricordato che l’americano soprannominato CASTOR era molto legato a Stefano DELLE CHIAIE e che quest’ultimo si era molto attivato quando, nel 1976, l’americano era stato arrestato in Algeria dopo una fallita operazione di "commando" che doveva concludersi con un attentato nella capitale di quel Paese (dep. FRANCIA, 26.11.1993, f.3).

 

 

CASTOR disponeva a Madrid anche di un ufficio, collegato alla società ENIESA facente capo a Stefano DELLE CHIAIE, ufficio che apparentemente commercializzava attrezzi per macchine da lavoro, ma che, secondo Salvatore FRANCIA, dava la "sensazione" che si trattasse di un ufficio di copertura (dep. citata, f.2).

 

 

In tema di contatti all’estero fra elementi dell’AGINTER PRESS ed elementi italiani in un contesto golpista, va infine ricordato quanto dichiarato da Roberto CAVALLARO.

 

 

Questi, nell’ambito dell’istruttoria c.d. Rosa dei Venti, aveva raccontato al G.I. di Padova di essere stato contattato, nel 1972, proprio all’inizio della sua attività, da un ufficiale italiano con il nome in codice "GIORGIO" appartenente all’ambiente del colonnello SPIAZZI, il quale gli aveva spiegato il programma del gruppo e aveva cercato di saggiare la sua disponibilità a impegnarsi nel progetto golpista con un ruolo specifico.

 

 

A tal fine, GIORGIO aveva invitato Roberto CAVALLARO a partecipare ad un campo di addestramento e di studio delle tecniche della guerra non ortodossa che si era tenuto in Francia, in una zona isolata dei Monti Vosgi, con la presenza di francesi, tedeschi e portoghesi (dep. a personale del R.O.S., 28.6.1995, f.4, e al G.I. dr. Lombardi, 14.7.1992, f.1).

 

 

Roberto CAVALLARO ha precisato che i portoghesi presenti al campo facevano parte dell’AGINTER PRESS, confermandosi così il ruolo di addestramento e di ispirazione di quanto doveva avvenire nei singoli Paesi ricoperto da tale struttura (cfr. annotazione del R.O.S. in data 11.7.1995, f.2, contenuta nel vol.2).