1.2.2. Il Comando militare del MPL istriano e le unità militari

 

In Istria il movimento di liberazione croato/jugoslavo si sviluppò diversamente e molto più tardi rispetto agli altri territori jugoslavi: dal punto di vista organizzativo e politico soltanto dopo il rientro in Istria di quadri politici istriani croati espatriati durante il periodo fascista e l’arrivo di quadri militari del territorio croato continentale, dopo l’8 settembre 1943. Sin da subito la conduzione, sia politica che militare, fu a carattere croato. Verso la metà del settembre 1943, il Quartier Generale della Croazia, in cui il ruolo di commissario politico era ricoperto da Vladimir Bakarić, istituì un Comando operativo militare del MPL croato per l’Istria (Operativni štab NOV Hrvatske za Istru), e inviò nella regione i dirigenti della 13° Divisione litoraneo montana ad organizzare nuove unità militari ed istituire il potere militare nelle retrovie.

La sede fu stabilita a Pisino (23 settembre ’43), dove fino allora aveva operato un Comando militare croato-sloveno per l’Istria (Štab hrvatsko–slovensko odreda za Istru). Nel ruolo di comandante fu posto il tenente collonello Savo Vukelić (145), già a capo della 13° Divisione litoraneo-montana, e Joža Skočilić (146), nel ruolo di commissario politico, già aiuto commissario politico della 13° Divisione litoraneo-montana, nonché gli istriani Dušan Diminić - aiuto commissario politico, Josip Matas – ufficiale operativo e Ivan Motika – responsabile per l’organizzazione dei “Comandi di città” (Komanda mjesta) e della “commissione d’inchiesta”; poi Branko Matić – responsabile per l'organizzazione del servizio informativo (Obavještajna služba) e Srđan Uzelac–capo della Sede operativa-Quartier generale istriano.

Furono istituiti quattro presidi militari territoriali, che corrispondevano circa ai distretti, con un ospedale militare (147). Contemporaneamente a livello politico furono costituiti i Comitati popolari di liberazione, che dai comunisti jugoslavi erano ritenuti le cellule del nuovo potere rivoluzionario, e un unico vertice regionale del PCC per l’Istria e per il Litorale croato (dicembre 1943) (148): tutti segnali dell'inclusione dell’Istria nel territorio croato e jugoslavo.

La resistenza italiana che si sviluppò nella Venezia Giulia, si differenziò profondamente dal MPL jugoslavo per struttura, impostazione, obiettivi politici, respingendo con diversità di accenti l’annessione dell’intera regione alla Jugoslavia. La resistenza italiana incontrò perciò varie difficoltà e nel complesso ebbe una presenza sul territorio decisamente limitata (149). Nelle zone dell’Istria rivendicate dai croati, i comunisti, ma in genere gli antifascisti italiani, che nelle cittadine istriane nel settembre ’43 avevano comunque dato vita a forme di resistenza, trovandosi isolati dal resto dell’Italia, furono ben presto assorbiti nel movimento di liberazione croato, e il rapporto con la popolazione italiana fu risolto con la politica della “unità e fratellanza” dei popoli e delle minoranze nazionali della Jugoslavia (“fratellanza italoslava”) e con la fondazione dell’Unione degli Italiani dell’Istria e di Fiume (UIIF) nel luglio 1944, per favorire la linea annessionistica del MPL fra gli italiani dell’Istria.

Il movimento di liberazione croato si irrobustì progressivamente, tra non poche difficoltà, con l’inclusione degli antifascisti italiani (150) e di molti ex soldati italiani (151),  nonché con l’adesione sempre più massiccia di antifascisti istriani di origine croata e italiana. La collaborazione tra comunisti e in genere antifascisti italiani e MPL non fu un percorso facile, lineare e senza ombre, come spesso è stata idealizzata dalla storiografia del periodo jugoslavo; essa fu piuttosto caratterizzata da contrasti, scontri e dibattiti a causa dell’atteggiamento sempre più egemonico (soprattutto in senso nazionale) assunto dai principali esponenti del MPL, dominato dal PC croato, nei confronti degli antifascisti e comunisti italiani. Fu un periodo, quello bellico, assai complesso sul piano politico e militare, che vide l’assorbimento delle organizzazioni del PCI italiane da parte del PCC, e in un secondo tempo di quelle militari.

Mentre il rapporto del MPL con la popolazione italiana fu risolto con la politica della “unità e fratellanza”, a livello militare si configurò nella dispersione dei combattenti italiani nelle unità croate, prima in Istria, poi nella Lika e nel Gorski Kotar. Nella primavera - estate del 1944, moltissimi giovani istriani di origine croata e italiana avevano scelto di entrare nelle file partigiane, anche per sfuggire all’arruolamento nell’esercito tedesco o al lavoro obbligatorio della Todt, che si occupava della costruzione di strade e di fortificazioni (152). Tra coloro che raggiunsero i partigiani, numerosi furono anche gli appartenenti alle forze armate della RSI dislocate nella regione, Carabinieri compresi. Si unirono così ai partigiani circa cento carabinieri, tra i quali il capitano Filippo Casini con tutti i componenti della guarnigione di Sanvincenti, quelli di Canfanaro, di Canal di Leme e di Pedena (153).

Il consistente afflusso di giovani istriani nelle file partigiane comportò non soltanto la ristrutturazione delle unità militari istriane del MPL, ma causò riflessi negativi sulla situazione politica interna. Così nella primavera 1944 furono ricostituite la 1° brigata istriana “Vladimir Gortan”, il 1° distaccamento “Učka”, il 2° Distaccamento polesano, mentre il potere militare delle retrovie venne diviso in quattro unità territoriali con un ospedale militare (154). Si arrivò alla formazione di un battaglione italiano, il “Pino Budicin” (155), che fu incluso nella brigata istriana “Vladimir  Gortan” e quindi, nell’agosto 1944, con altre brigate istriane, nella neocostituita Divisione istriana, la 43° dell’esercito partigiano (156).

Nella seconda metà del 1944, quando il Comando supremo del MPL e il Quartier generale croato ordinarono il ritiro delle truppe partigiane dall’Istria al di sopra della linea Fiume-Sussak, il settore operativo della 43° Divisione Istriana divennero il Gorski Kotar e il Litorale croato fino a Karlovac, e dal marzo 1945 il territorio di Žumberak (zona della regione di Zagabria sul confine con la Slovenia). Così nell’autunno 1944, quando i tedeschi assunsero il controllo quasi totale della penisola istriana, le unità partigiane, incluso il btg. “P. Budicin”, integrato da tempo nella brigata “Vladimir Gortan” della 43° Divisione istriana, si ritirarono nelle zone vicine della Slovenia e del Gorski Kotar. Dall’Istria meridionale, il battaglione italiano raggiunse per un breve periodo la Slovenia (ottobre 1944) e poi il Gorski Kotar e la Lika, dove svernò.

Dall’Istria si ritirarono pure tutte le strutture regionali rappresentative del MPL, ovvero alcuni settori del CPL, del partito, ecc. A mantenere la continuità dei singoli territori istriani con il MPL, furono i comitati circondariali del partito e dei CPL, che rimasero ad operare nell’illegalità nelle rispettive zone d’influenza. Fu a quel punto, alla fine del 1944 che si arrivò a una nuova riorganizzazione militare nella penisola istriana: il Comando militare partigiano per l’Istria (Štab grupe Partizanskog odreda za Istru) era diventato il Comando della 43° Divisione istriana (157) e contemporaneamente venne formato un nuovo Comando militare per il Settore operativo per l’Istria (Štab operativnog sektora za Istru), che fu sottoposto al Comando della 43° Divisione istriana, che rientrava nell’11° corpus d’armata dell’esercito jugoslavo.

A capo del nuovo comando nel dicembre 1944, fu nominato il comandante maggiore Vitomir Širola Pajo, il quale, arrivato in Istria organizzò 5 battaglioni indipendenti, ovvero delle unità militari mobili e non molto numerose che operarono in tutto il territorio istriano, e che nell’aprile-maggio 1945, assieme alla IV armata jugoslava, furono pronte a entrare nelle cittadine istriane (158).

Commissariopolitico del nuovo Comando militare fu Mirko Sušanj. I nuovi Comandi territoriali operavano nei circondari di Pola, Parenzo e Fiume, e avevano alle loro dipendenze 14 Comandi di città (Komanda mjesta), e tutti rispondevano militarmente al massimo organismo militare, ovvero al Comando del Settore operativo per l’Istria, informandolo regolarmente, tra l’altro, sulla situazione politica del territorio a loro sottoposto (159).

Così, all’inizio di gennaio 1945, a capo del Comando territoriale di Pola si trovavano il Commissario politico-capitano Mijo Pikunić, che fu anche a capo dell’Ozna per la città di Pola (aprile 1945), e il comandante Janez Žirovnik - Osman. Nell’Istria nord-occidentale e sul Carso (Buiese, Litorale sloveno, Fiumano), territori controllati dalla resistenza slovena, la quale per lungo tempo collaborò con il Comitato di liberazione nazionale (CLN) giuliano, operarono invece due unità partigiane italiane, i battaglioni “Giovanni Zol” e “Alma Vivoda”, che formalmente figurava alle dipendenze della “Brigata d’assalto Garibaldi-Trieste”; nel dicembre del ’44 fu creata la seconda brigata Garibaldi, la “Fratelli Fontanot”.

Accanto ai cambiamenti strutturali nelle unità militari istriane, l’afflusso in massa nell’esercito, specie dall’estate ’44 in poi, aveva anche portato al cambiamento nella sua composizione politica e del MPL istriano in generale. Le nuove reclute, o i nuovi volontari erano ex appartenenti alle forze armate italiane (i carabinieri di Canfanaro come ricordato, quelli di Canal di Leme, di Pedena), oppure giovani istriani di sentimenti antifascisti ma italiani, la cui condotta politica era valutata preventivamente con sospetto, se non negativamente, dal partito comunista che pretendeva che i resistenti italiani combattessero contro fascisti e nazisti sotto il loro diretto controllo, e, soprattutto, che facessero proprie le tesi annessionistiche slave.

L’esperienza del capitano Casini si concluse in breve tempo e in modo tragico, si presume con la sua fucilazione, assieme alla moglie e ad altri carabinieri, per i contrasti di carattere politico venutisi a creare con il MPL. Gli altri Carabinieri furono dispersi in diversi reparti e impiegati in zone lontane dal territorio istriano (160). La costituzione di intere unità e formazioni composte da volontari e antifascisti italiani aveva portato anche alla richiesta da parte della dirigenza politica e militare rovignese - che deteneva il primato fra gli antifascisti italiani nella regione – di formare una brigata composta unicamente da italiani. Anche se in un primo momento il Comando operativo dell’Istria sembrava avesse espresso parere favorevole alla riunione delle varie unità combattenti italiane della regione in una formazione più grande, i nuovi volontari istriani furono invece inviati nel Gorski Kotar, nella regione della Lika, o aggregati nelle più disparate formazioni croate. La formazione di una grande unità partigiana italiana, oltre ad essere difficile da gestire politicamente, in realtà avrebbe potuto costituire motivo di rivendicazione territoriale per le forze politiche antifasciste italiane a fine conflitto (161).

Ma tutto questo portò ad altri problemi politici (diserzioni) che vedremo in seguito. Un’altra misura per porre rimedio ai contrasti e ai problemi di carattere politico fu, a più riprese, la “pulizia (eliminazione) degli agenti nemici“ infiltrati nell’esercito,dove a farne le spese furono spesso i dirigenti politici e militari italiani che in qualche modo si erano presi dei margini di autonomia all’interno del MPL (162).

Note

(145) - Savo Vukelić (Ogulin 1917- Fiume 1974), croato, entrò nel MPL e nel partito comunista nel 1941, fu a capo della 13° Divisione litoraneo-montana fino al 15 settembre 1943, quando su ordine del Comando supremo per la Croazia venne inviato in Istria a organizzare la le truppe armate; formò la 1°, 2° e 3° brigata istriana e divenne il primo comandante della 43° Divisione istriana dell’XI corpus EPLJ, costituita il 29 agosto 1944 a Čabar, nel Gorski Kotar, dove dedicò molta attenzione nell'istruzione dei quadri militari che avrebbero guidato le unità militari istriane. Fu membro dello Zavnoh e del partito comunista nel Gorski Kotar. Dopo la guerra continuò la carriera militare ultimando le scuole militari, e ricoprì importanti ruoli nell’Armata jugoslava, vedi Vojna Enciklopedija, knj.10, Beograd, 1975.

(146) - Josip-Joža Skočilić (Pribir 1915- Zagabria 2001), croato della zona litoraneo montana, nel MPL rivestì importanti funzioni politiche in qualità di commissario politico della 14° Brigata litoraneo-montana (1942), e vice commissario politico della 13° divisione litoraneo-montana (agosto 1943). Su ordine del Quartier generale del MPL per la Croazia, fu inviato in Istria, dove a Pisino, il 23 settembre 1943 entrò a far parte del Comando operativo partigiano dell’Istria, nel ruolo di commissario politico. Fu poi commissario politico della 43° Divisione istriana, che operò fuori dal territorio istriano, fino al 18 aprile 1945, quando fu trasferito, sempre in qualità di commissario politico, alla 13° Divisione, mentre il ruolo di commissario politico della 43° Divisione istriana fu ricoperto dal tenente colonnello Mirko Lenac, che poi partecipò alle operazioni militari legate alla corsa per Trieste e a quelle per la liberazione dell’Istria. Durante le operazioni di sbarco dell’Armata jugoslava sulla costa orientale istriana, tra il 23-24 aprile 1945, si ritrova lo Skočilić presso il comando della 3° brigata della 43° Divisione istriana, stazionato presso il paese di Susnjevica, ai piedi del Monte Maggiore. Vedi Istarska enciklopedija, Zagreb, 2005, voce Josip-Joža Skočilić.

(147) - S. VUKELIĆ, Istra u NOB-u 1943: istarske brigade i operativni štab NOVH za Istru, in “Dometi“, vol. 6, 1973, pp. 63-70 e H. BURŠIĆ, Od ropstva do slobode. Istra 1918-1945. Male bilješke o velikom putu, Histria Croatica C.A.S.H., Pula, 2011, pp. 164-167.

(148) - Oslobodilački rat naroda Jugoslavije 1941-1945, cit, vol. 2, p. 149.

(149) - Essa si fondava su organismi unitari, i comitati di liberazione nazionale - CLN, formato da diverse componenti politiche.

(150) - Dopo l’8 settembre ‘43 si erano formate unità partigiane italiane autoctone, o miste, come il battaglione rovignese, fiumano, triestino (umaghese e capodistriano).

(151) - In particolare nella zona di Fiume ci furono dei reparti autonomi armati Battaglione Garibaldi, Btg.Fiume-Castua che poi furono integrate nelle unità jugoslave. Dopo l’8 settembre in seno all’esercito jugoslavo operarono complessivamente 10 brigate composte quasi esclusivamente da ex soldati italiani, altre formazioni militari minori, e volontari italiani che combatterono in gruppi o isolatamente nella varie unità partigiane jugoslave.

(152) - Sul servizio obbligatorio di lavoro della Todt, vedi il volume di R. SPAZZALI, Sotto la Todt, Libreria Editrice Goriziana, Gorizia, 1998.

(153) - La stampa partigiana dell’epoca, specie quella italiana, diede ampio risalto all’episodio; furono pubblicate le lettere con le quali il capitano Casini e sua moglie spiegavano, rispettivamente il gesto e l’impressione sulla propria permanenza tra i partigiani, vedi Lettera del capitano Casini, in “Il Nostro Giornale”, 29 luglio 1944, Documenti , vol. II, CRS, Rovigno, p. 99.; G. SCOTTI – L. GIURICIN, Rossa una stella, CRS, Rovigno, 1975, pp. 604-605.

(154) - U. KOSTIĆ, Oslobođenje Istre, cit., p. 282.

(155) - Il battaglione fu fondato nell’aprile 1944 nelle vicinanze di Rovigno, Stanzia Bembo, in cui confluirono volontari italiani non soltanto di Rovigno, ma di tutte le località della bassa Istria (Valle, Dignano, Gallesano, Fasana, Pola, Sissano). Sin dall’inizio, numerosi rovignesi assunsero i principali posti di comando. Dai 120 combattenti all’atto di costituzione, passò a circa 400 sul finire di luglio (zona di Cepic). Passò sotto il controllo del MPL e fu inquadrato nell’ambito della Brigata croata “Vladimir Gortan”, che entrerà poi a far parte della 43° Divisione istriana. Durante l’estate 1944, il btg. P. Budicin, assieme alle altre unità militari sorte in tutta l’Istria, operò militarmente sul territorio istriano, sferrando attacchi alle guarnigioni tedesche e presidi militari (Pedena, Gallignana, Albonese, Castua). Poi, con l’enorme dispiegamento delle forze tedesche nel territorio, tutte le formazioni partigiane, incluso il btg. italiano, lasciarono la penisola per partecipare, prima alla breve campagna di Slovenia (ottobre 1944), e passare poi nel Gorski Kotar, in Croazia, dove svernarono tra aspre battaglie ed un freddo intenso. Sulla storia del btg. vedi la monografia G. SCOTTI – L. GIURICIN, Rossa una stella, cit., 1975.

(156) - A livello regionale esiste una vasta bibliografia del periodo jugoslavo dedicata a questa formazione militare, vedi ad esempio AA.VV., Istra i Slovensko primorje, cit.; Oslobodilački pohod na Trst Četvrte jugoslavenske armije, Beograd, 1952; D. RIBARIĆ, Četrdesettreća istarska divizija, Zagreb, 1969; U. KOSTIĆ, Oslobođenje Istre, cit.

(157) - Su circa 3500 uomini, quanti ne contava al momento della sua formazione, 199 erano i dirigenti politici (commissari politici), vedi in M. KLOBAS, Borbeni put, cit. e H. BURŠIĆ, Od ropstva do slobode, cit., p. 341.

(158) - Vitomir Širola Pajo (Castua 1916 –1957), entrò nel movimento partigiano nel 1941, a capo di diverse unità militari. Dopo il settembre 1943 divenne comandante della II brigata istriana, con la quale entrò a Capodistria e Isola; in seguito alla riorganizzazione del MPL e delle unità militari istriane, fu comandante della I brigata V. Gortan, costituita nell’aprile del 1944.

(159) - Svolgevano funzioni militari nelle retrovie, dove si trovavano basi e stazioni di smistamento e collegamento: mobilitazione di volontari, difesa delle organizzazioni politiche e amministrative, scorta dei trasporti di viveri e materiali per l’esercito, servizio informativo, azioni di disturbo, preparativi per la presa del potere nel territorio di propria competenza. A capo del Comando di città stava il comandante, il commissario politico e il vice comandante. Vedi L. GIURICIN, Istria, teatro di guerra e di contrasti internazionali (estate 1944 – primavera 1945), in “Quaderni”, vol. XIII, CRS, Trieste-Rovigno, 2001, pp. 218-219.

(160) - L. GIURICIN, Istria teatro di guerra, cit., p. 179.

(161) - Sulla Brigata italiana vedi un intero capitolo in G. SCOTTI – L. GIURICIN, Rossa una stella, cit., pp. 586-590.

(162) - Vedi E. e L. GIURICIN, La Comunità nazionale italiana. Storia e istituzioni degli Italiani dell'Istria, Fiume e Dalmazia (1944-2006), vol. I, Centro di ricerche storiche Rovigno, Rovigno, 2008, pp. 72-74.