Gli Stati Uniti hanno testato una nuova bomba atomica all'idrogeno che ha una caratteristica innovativa: può essere lanciata da un aereo da caccia (F 35, Tornado, ecc.), la sua caduta sarà "guidata" sull'obiettivo e (questa è la cosa nuova) ha la capacità di penetrare in profondità nel terreno e poi esplodere riducendo il fallout radioattivo. Una manna per i generali "Stranamore" che sognano la guerra atomica, magari ridotta...

 

 

 

Un ringraziamento al dott. Hans Kristensen della "Federation of American Scientists" di Washington che sta conducendo una rigorosa ricerca sui rischi dell'armamento nucleare.

 

 

 

di Giorgio Marenghi

 

 

Gli Stati Uniti hanno testato nel deserto del Nevada una bomba all’idrogeno denominata  B61-12. E’ più esatto dire che hanno testato una copia “finta” per la simulazione ma il risultato del test è senz’altro incoraggiante per i circoli militari.

 

 

 

La nuova bomba ha capacità di penetrazione nel terreno ed è adatta quindi a colpire postazioni militari o industriali sotterranee. Infatti un’arma nucleare che esplode dopo essere penetrata nella terra rilascia più efficacemente la sua energia per i fini che si prefiggono i militari. Mentre la detonazione fuori terra rimbalza sulla superficie con gli effetti devastanti che si conoscono.

 

 

 

La lunghezza della B61-12 è di circa tre metri e mezzo. E’ progettata per avere quattro rese esplosive selezionabili: 0.3 chilotoni (Kt), 1,5 Kt, 10 kt e 50 Kt. Pertanto gli studi hanno dimostrato che il potenziale distruttivo della nuova bomba darà una resa nucleare compresa tra 750 Kt. E i 1250 Kt.

 

 

 

E' infatti una delle bombe più grosse che il Pentagono manderà in pensione sarà l’atomica B83-1 con resa massima di 1200 Kt.

 

 

 

Dobbiamo ricordare che la bomba di Hiroshima e Nagasaki era di 15 Kt (chiloton).

 

 

 

Gli esperti fanno notare che anche con l’impostazione più “bassa”, cioè di di soli 0,3 Kt. la nuova bomba rilascerà una resa nucleare tra i 4,5 Kt. Fino ad un massimo di 7,5 Kt.

 

 

 

La B61-12 è considerata “speciale” per la maggiore precisione “guidata”, una caratteristica unica della nuova arma. E la combinazione tra il fattore terra-penetrazione e il basso rendimento fa prevedere che le sue funzioni la renderanno appetibile per una quantità molto grande di “target”.

 

 

 

Sulla precisione dell’arma gli esperti discutono ancora ma è un fatto che negli esperimenti la B61-12 ha centrato un cerchio del diametro di 60 metri e ad una distanza dal centro del cerchio di 30 metri.

 

 

 

Tutte queste caratteristiche fanno sì che i circoli militari americani vedano la nuova bomba come appetibile e sicuramente usufruibile dato che, sostengono questi ambienti, verrà ridotto il fallout radioattivo in caso di attacco, e questo è un argomento che potrebbe avvicinare di molto i desideri politici e quelli militari.

 

 

 

Ovviamente la realizzazione ed il test nel deserto del Nevada fanno di questa bomba una “nuova e più sofisticata bomba”, quindi il fatto “politico” è che tale “progresso tecnologico-militare” è in conflitto con le dichiarazioni dell’amministrazione Obama che ha stabilito di non sviluppare nuove capacità di armi nucleari.

 

 

 

Il dibattito politico che è in corso se la B61-12 ha cambiato la capacità militare o no è condotto con astuzia ed ambiguità. Del resto gli Stati Uniti avevano già la “capacità” militare di colpire obiettivi sotterranei, “solo” che la nuova arma permette ciò con meno fallout radioattivo. Questo non è poco (è moltissimo invece in termini tattici e politici) ed è un progresso di “capacità” militare.

 

 

 

Questa nuova arma darà il via ad una corsa agli armamenti poiché sono parecchi i paesi dotati di armi nucleari che hanno in corso programmi di ammodernamento. E la B61-12 spingerà più di qualcuno a chiedersi cosa fare per rispondere al passo in avanti americano.

 

 

 

Per quanto riguarda il nostro paese la B61-12 arriverà presto anche nelle nostre basi, Ghedi e Aviano, dove dormono 70 testate nucleari che potremmo ora definire di “vecchio tipo”.

 

 

 

Le conseguenze di questa “nuova” corsa agli armamenti sono evidenti: il rischio di conflitti locali con uso di bombe nucleari “mirate” e magari a basso rendimento nucleare si avvicina sempre di più.

 

 

 

E non è detto, perché difficile da dimostrare, che i collegamenti tra le potenze nucleari possano sempre dissuadere i responsabili dal premere il grilletto. Si pensi solo alla “guerra fredda” e ai fautori militari dello “first strike”, il primo colpo.

 

 

Giorgio Marenghi


 

Il regalo di Obama all'Europa: le nuove armi nucleari B61-12 

 

Un articolo del 2013 racconta le manovre politiche per l'ammodernamento delle armi nucleari

 

 

 

Rossana De Simone 

24 aprile 2013

http://www.informarexresistere.fr/2013/04/24/il-regalo-di-obama-alleuropa-le-nuove-armi-nucleari-b61-12/

 

 

 

Da anni il Pentagono cerca di sviluppare queste armi per attaccare bunker contenenti armi nucleari, chimiche o biologiche.

 

 

 

Il 17 aprile 2013, l’agenzia Project On Government Oversight (POGO), ha scritto una lettera al segretario del Dipartimento della Difesa statunitense Chuck Hagel invitandolo a non finanziare il programma di ammodernamento delle bombe atomiche tattiche B61.

 

 

 

Di queste 200 sono dispiegate e conservate in sei basi militari di cinque paesi europei (Italia, Belgio, Paesi Bassi, Turchia e Germania), come parti della difesa NATO..

 

 

 

La notizia che il presidente Obama abbia deciso di spendere 11 miliardi di dollari per il LEP (Life Extension Program) condotto dai laboratori nucleari (NNSA), è rimbalzata nei maggiori quotidiani internazionali provocando la ferma indignazione di tutte le associazioni che lottano per il disarmo nucleare multilaterale.

 

 

 

Aumentare le capacità delle armi nucleari tattiche come le B61, le più antiche dell’arsenale statunitense, significa che mentre si tratta con la Russia per la diminuzione delle armi nucleari strategiche a lungo raggio, quelle non strategiche o tattiche continuano ad avere un ruolo importante all’interno dello scudo difensivo della NATO.

 

 

 

NNSA (National Nuclear Security Administration ) chiarisce che per “programma di estensione della vita (LEP)” si deve intendere un programma per la riparazione / sostituzione di componenti di armi nucleari in grado di garantire e soddisfare le esigenze militari.

 

 

 

Vi sono cinque versioni della B61 rispettivamente denominate “modello” 3, 4, 7, 10 e 11, con questa ristrutturazione si ha la creazione di una nuova versione, la B61-12.

 

 

 

I modelli 7 e 11, definiti strategici, hanno opzioni multiple di potenza sino a 340 kilotoni e non sono presenti in territorio italiano, tuttavia la nuova versione costituisce un ulteriore salto di qualità.

 

 

 

Nel 2009 i funzionari della sicurezza nazionale di Obama chiedevano al Congresso lo stanziamento di 65 milioni di dollari per uno studio sull’aggiornamento delle B61, non solo perché facenti parte di ciò che l’esercito chiama “deterrenza estesa”, ma perché sarebbero le uniche affidabili per penetrare e distruggere gli impianti nucleari della Corea del Nord e dell’Iran.

 

 

 

Sebbene il Dod (Department of Defense) avesse dichiarato che non vi erano piani per convertire le B61 in bombe nucleari penetranti, da anni Pentagono cerca di sviluppare queste armi per attaccare bunker contenenti armi nucleari, chimiche o biologiche.

 

 

 

La questione diventava urgente poiché bisognava rispettare la scadenza del 2017, data in cui il nuovo F-35 dovrebbe sostituire gli attuali F-16, e dunque essere pronto al trasporto delle bombe.

 

 

 

Queste bombe, sino ad ora dotate di un paracadute in coda per rallentare la discesa e permetterne la denotazione al suolo, saranno ammodernate dalla Boeing che nel 2012 ha siglato un contratto dal valore di 178 milioni. In particolare Boeing è impegnata alla progettazione di un nuovo kit di coda per dotarla di un sistema di guida di precisione e direzione.

 

 

 

Nel Nuclear Posture Review del 2010 e poi nel summit della NATO a Chicago nel 2012, il Pentagono aveva ribadito la necessità delle armi nucleari tattiche come strategia di difesa degli Stati Uniti. In quelle occasioni emergevano i piani per rendere il caccia F-35 capace di trasportare le B61, ma contemporaneamente si affacciava la posizione di paesi quali Germania, Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi e Norvegia che ne chiedevano la rimozione. L’Italia invece continuava a sostenere che tali armi erano, e rimangono, simboli critici dell’impegno militare statunitense in Europa.

 

 

 

Storicamente i caccia statunitensi a doppia capacità sono stati l’F-16 e l’F-15E (il B-2 è un bombardiere strategico) e continueranno ad esserlo finché non saranno pronti gli l’F-35, mentre i paesi della NATO fra cui l’Italia, hanno i Tornado e gli F-16 come caccia certificati per il trasporto e lo sgancio delle testate nucleari.

 

 

 

Il Dipartimento della Difesa statunitense ha dovuto lanciare una “baseline review tecnica” per capire quanto peserà il ritardo del programma F-35 sulla sostituzione degli attuali F-15 ed F-16 e sul raggiungimento IOC (Initial Operational Capability), perché deve fare i conti con un aereo voluto a bassa osservabilità ( stealth) la cui capacità, però, è stata messa in discussione dallo studio RAND “Air Combat Past, Present and Future” effettuato attraverso combattimenti simulati, e con la decisione del Pentagono di ridurre le prestazioni che inevitabilmente avrà un impatto operativo.

 

 

 

Sommando i costi del caccia e quelli dell’aggiornamento delle B61, si può desumere che queste scelte siano un regalo al complesso militare industriale, e sono in palese contraddizione rispetto alla volontà di disarmo continuamente denunciata dal presidente Obama, premio nobel per la pace 2009.

 

 

 

L’Italia in particolare ospita dalle 60 alle 70 B61 divise fra la base statunitense di Aviano e quella italiana di Ghedi Torre (Brescia), è in questa base che sono presenti i Tornado IDS a doppia capacità e che saranno sostituiti dagli F-35 italiani.

 

 

 

Sebbene l’Italia abbia sottoscritto e ratificato il Trattato di non proliferazione nucleare, ospita arsenali nucleari in aperta violazione del Trattato che impone ad uno Stato non nucleare di non possedere o ricevere armi nucleari. L’ostacolo è stato raggirato escogitando il sistema della doppia chiave. Nella base di Ghedi infatti, sebbene le circa 20 B61 siano sotto tutela del Munizionamento 831°, il reparto americano delegato allo stoccaggio, manutenzione e trasporto delle armi nucleari, sono italiani i piloti che si esercitano per imparare a sganciarle, e che, in caso di guerra, riceverebbero i codici di attivazione dell’ordigno nucleare appena saliti su i Tornado.

 

 

 

Nel 2005 il rapporto “Natural Resources Defense Council” ha rivelato che i piloti italiani vengono addestrati all’uso delle bombe nucleari nei poligoni di Capo Frasca (Oristano) e Maniago II (Pordenone). Le 50 bombe conservate ad Aviano sono invece ad uso esclusivo degli aerei americani.