logostoriaveneta2

Piazza Fontana e oltre

 

di Vincenzo Vinciguerra

 

Capitolo secondo

 

Sul piano politico interno, il pericolo è vissuto come reale da un partito, come quello comunista, che può contare anche sull’apporto informativo dei servizi segreti dei Paesi dell’Est europeo e di quello sovietico, il Kgb, in particolare.

 

Il 14 gennaio 1969, i parlamentari del Partito socialista di unità proletaria (Psiup) segnalano “iniziative a carattere autoritario che coinvolgono anche organizzazioni militari”.

 

Il 24 marzo 1969, nel corso della riunione della direzione nazionale del Pci, il segretario Luigi Longo afferma:

 

“Per quanto riguarda i pericoli di svolte autoritarie o di colpi di mano, dobbiamo richiamare l’attenzione del partito sul fatto che questi pericoli sono reali”.

 

Nel suo intervento, Abdon Alinovi sottolinea che si sono svolte riunioni di ufficiali e chiede che il partito abbia maggiore sensibilità verso questi fatti.

 

Nella riunione del 7-8 maggio 1969, dedicata agli attentati stragisti alla Fiera campionaria ed alla Stazione ferroviaria di Milano del 25 aprile, Carlo Galluzzi denuncia “la tendenza a tradurre lo spostamento a destra a livello organizzativo di governo e forse anche la spinta ad andare a soluzioni autoritarie, di tipo greco”.

 

Galluzzi avanza esplicitamente due ipotesi:

 

“’Un colpo di Stato autoritario che può venire da ambienti militari integrati dalla Nato”, o una svolta autoritaria di tipo “centrista”, imposta dal presidente della Repubblica, Giuseppe Saragat.

 

La direzione nazionale del Pci avverte il pericolo di una azione finalizzata ad imporre con la forza una svolta a destra, coordinata da forze nazionali ed internazionali.

 

Se Galluzzi evoca la Nato, la Grecia e chiama in causa il presidente della Repubblica Giuseppe Saragat, Enrico Berlinguer denuncia il possibile intervento americano:

 

“Vi è un accrescersi di elementi che indicano qualcosa di torbido e pericoloso in questa situazione. Da questa attivazione di elementi di destra non si può escludere una componente internazionale (forse certi orientamenti nuovi della amministrazione Usa)”.

 

Le ipotesi “golpiste” non vengono espresse solo nell’ambito del partito, ma denunciate pubblicamente, come fa Pietro Secchia a Padova, il 29 giugno, nel corso del convegno nazionale dell’Associazione nazionale partigiani italiani (Anpi) dove afferma che “un paese non può vivere permanentemente sotto il rischio, la minaccia o il ricatto di colpi di Stato…”

 

Il Partito comunista non pensa a colpi di Stato militari.

 

Nella stessa occasione, a Padova, lo dice esplicitamente Pietro Secchia, che nel partito rimane uno degli uomini più rappresentativi, quando afferma che essi “sono sognati da uomini politici che credono di poter abbattere le dighe del malgoverno, alla corruzione sfrenata, all’asservimento allo straniero, eliminando ogni legalità costituzionale e accantonando di fatto la Costituzione” .

 

I vertici del Pci non temono un “golpe” in stile sudamericano o greco ma, più logicamente, una reiterazione del 25 luglio 1943, un “colpo di Stato” che faccia affidamento sulle Forze armate nell’ambito istituzionale, con il presidente della Repubblica, Giuseppe Saragat, al posto di re Vittorio Emanuele III.

 

È, questa, l’ipotesi più realistica, quella che fa più paura ai dirigenti comunisti che sanno di non poter contare sull’aiuto dell’Unione sovietica e dei Paesi dell’Est europeo, perché l’invasione militare sovietica della Cecoslovacchia, dodici anni dopo l’intervento militare sovietico in Ungheria, e l’inesistente reazione americana in entrambi i casi, hanno provato che i patti di Yalta sono ancora in vigore e che le due potenze egemoni non interferiscono nelle rispettive aree di influenza.

 

Che così sia, d’altronde, lo prova al di là di ogni ragionevole dubbio, l’indifferenza sostanziale con la quale l’Unione sovietica ha reagito al colpo di Stato militare in Grecia, del 21 aprile 1967, che pure aveva una dichiarata finalità anticomunista, all’interno, ed antisovietica sul piano internazionale.

 

Il 2 luglio 1969, il segretario nazionale del Pci, Luigi Longo, comunica ai componenti della direzione nazionale del partito che alcuni dirigenti hanno riferito che “la situazione è tale per cui può esserci un intervento (dell’esercito ). Notizie segnalano movimenti sulla via Appia. Per adesso – prosegue Longo – vedrei di assumere informazioni da tutte le organizzazioni specie nel nord, senza escludere le altre zone”.

 

La paura ai vertici del Partito comunista è tale che, il 7 luglio, Giorgio Napolitano, attuale presidente della Repubblica ed allora componente della direzione nazionale del partito, si vede obbligato a consigliare di abbassare i toni della polemica: “Ci sono queste notizie. Ci può essere un disegno che fa leva su determinati ambienti dell’esercito. Ma – prosegue – si possono presentare tutti i generali come potenziali golpisti? Fare esplicitamente appello al fatto che i soldati sono figli del popolo”.

 

Il 16 luglio 1969, è la volta di Armando Cossutta ad intervenire per delineare quale potrebbe essere il più realistico pretesto per un intervento militare inteso a ristabilire l’ordine pubblico.

 

Ci potranno essere, dice, “grandi lotte che portino a scontri, in cui ci siano ufficiali che perdono la testa e provocano situazioni drammatiche, che ci siano scontri anche con colpi d’armi da fuoco e feriti, insomma si possono determinare situazioni di grandi tensioni in cui si possono inserire questi tentativi”.

 

È esattamente, questo descritto da Armando Cossutta, lo scenario che preparano le forze decise a fare dell’Italia un baluardo dell’anticomunismo nel Mediterraneo.

 

Nella riunione del 28 luglio, è Gian Carlo Pajetta a parlare esplicitamente di “colpi di Stato” e della necessità di difendersi.

 

Mentre, Luciano Lama, da parte sua, ha ben presente che nell’anno in corso scadono 59 contratti nazionali che interessano oltre cinque milioni di lavoratori, e di conseguenza ricorda che le richieste sindacali sono radicali, “ed è veramente posta in discussione la compatibilità di tali rivendicazioni con il sistema. Se vi saranno momenti duri – conclude -certi gruppi potranno avere buon gioco”.

 

Il 7 settembre 1969, il quotidiano comunista “L’Unità” scrive che, in Italia, è in vigore l’allarme Nato che sarebbe stato decretato il 6 luglio, nell’incombenza della crisi di governo, con la predisposizione di un piano segreto che prevede la mobilitazione delle basi militari, l’occupazione di ministeri, sedi di partiti, redazioni giornalistiche da parte di unità speciali dell’Esercito e dei carabinieri.

 

Non sono solo ipotesi astratte, quelle formulate dai dirigenti nazionali del Partito comunista, perché costoro assumono provvedimenti concreti a difesa propria e del partito, come l’invio di militanti in Unione sovietica perché siano addestrati come marconisti, e le circolari inviate da Armando Cossutta, a partire dal 21 marzo 1969, ai dirigenti periferici per invitarli a prendere misure di sicurezza straordinarie e a tenere presente che i telefoni sono sotto controllo.

 

Dal 6 dicembre, infine, secondo quanto scriverà il settimanale “Il Borghese” in epoca successiva, la direzione nazionale del Pci dirama l’ordine di massima vigilanza con il controllo diurno e notturno delle federazioni provinciali e della sede centrale del partito, a Roma, in via delle Botteghe Oscure.

 

A strage di piazza Fontana avvenuta, nel corso della riunione della direzione nazionale del Pci, avente all’ordine del giorno “l’esame della situazione politica”, il 19 dicembre 1969, il relatore, Enrico Berlinguer, avanza alcune ipotesi ma sottolinea come appaia valida quella che”si sia trattato di un anello di un vero e proprio complotto reazionario. Le cose – dice Berlinguer – non sono andate come previsto perché se le altre bombe fossero scoppiate le cose sarebbero state molto gravi. L’ipotesi di un complotto di destra è avanzata anche da forze Dc…”.

 

Anche Tortorella segnala la preoccupazione dei democristiani, e prosegue:

 

“Se ci si trovasse a un complotto e non al gesto isolato, la preoccupazione degli altri è che queste cose si possono ripetere e determinare una situazione molto difficile da controllare…Nei corpi di polizia – afferma Tortorella – ci sono obbedienze a centrali diverse.

 

Non tutti obbediscono agli ordini dello stesso ministro degli Interni. Altri obbediscono a qualche altra centrale (Presidente della Repubblica?). Certi obbediscono e si muovono su linee diverse…”.

 

Mauro Scoccimarro, a sua volta, dichiara:

 

“È la prima volta che sono avvenuti attentati così gravi. Rivelano una organizzazione .C ‘è una simultaneità che rivela una base organizzata. Se si ricollegano i dati sulla stampa, si ha che non ci troviamo di fronte a gesti fanatici ma che ci sono radici più profonde. Se è così significa che ci sono dei piani e ci si potrebbe trovare di fronte a nuovi avvenimenti del genere…”.

 

I vertici nazionali del Partito comunista, quindi, non credono che gli attentati del 12 dicembre siano il frutto di un’azione isolata, compiuta da elementi senza arte né parte, non ideologicamente inquadrabili.

 

Non c’è nessun riferimento ad un’azione di marca “fascista”, perché Luigi Longo, Enrico Berlinguer, Gian Carlo Pajetta e tutti gli altri sanno perfettamente che esiste un pericolo “reazionario” non qualificabile come fascista.

 

Non a caso nei loro interventi fanno riferimento al presidente della Repubblica, il socialdemocratico ed antifascista Giuseppe Saragat, ai “corpi separati”, alle “obbedienze diverse” che presuppongono l’esistenza di centrali di comando diverse non tutte corrispondenti a quelle ufficiali.

 

Le “bombe fasciste” è un’immagine propagandistica che il Pci avallerà successivamente, sul piano mediatico e giudiziario, quando deciderà di coprire i crimini dello Stato e del regime anticomunisti per provare la sua maturità ed affidabilità democratiche.

 

In realtà, è un anno che i comunisti vivono nel timore del “colpo di Stato”, e gli attentati del 12 dicembre collegati con quelli che li hanno preceduti (in particolare quelli stragisti del 25 aprile a Milano e quelli sui treni del 3-9 agosto), confermano l’attendibilità delle ipotesi sul tentativo di provocare una svolta autoritaria a destra, con la forza ma nell’ambito della Costituzione.

 

Per questa ragione il riferimento al presidente della Repubblica, Giuseppe Saragat, è continuo e, soprattutto, esplicito.

 

Anche settori della Democrazia cristiana non si discostano dalle analisi fatte dal Partito comunista.

 

Il ministro del Lavoro, Carlo DonatCattin, nel corso di un incontro con i dirigenti sindacali, il 19 novembre 1969, è chiaro:

 

“Ci disse – ricorderà successivamente Giorgio Benvenuto – che eravamo ormai alla vigilia dell’ora X, che il golpe era alle porte, che bisognava affrettarsi a mettere un coperchio sulla pentola che bolliva se si voleva evitare l’arrivo dei colonnelli”.

 

A conferma che l’origine dell’operazione, la sua direzione, è di matrice socialdemocratica con il tacito assenso dei socialisti nenniani, giunge la reazione del segretario nazionale della Democrazia cristiana, Arnaldo Forlani, che pensa subito al “golpe” quando, il 12 dicembre 1969, subito dopo la strage di piazza Fontana telefona al segretario provinciale democristiano, Camillo Ferrari, e gli dice:

 

“Occorre tenerci in continuo contatto telefonico, scambiarci notizie di mezz’ora in mezz’ora”.

 

Teme, Forlani, un colpo di mano da parte dei militari, dei carabinieri, di forze che comunque hanno potere e sono espressioni dello Stato, non certo dell’anti-Stato.

 

E Ferrari comprende, anch’egli al volo la situazione e paventa il pericolo, tanto da far presidiare la sede provinciale della Democrazia cristiana milanese con l’ordine tassativo di non far entrare nessuno che non sia conosciuto.

 

Una Democrazia cristiana sulla difensiva, costretta come il suo grande antagonista a far presidiare le sue sedi, conferma che parte dei vertici del partito erano stati esclusi dalla conoscenza dell’operazione e dei suoi scopi perché ritenuti, come Aldo Moro, inaffidabili per le loro posizioni inclini al dialogo ed al compromesso con il Pci.

 

Era stato proprio Aldo Moro a suggerire, sul finire del 1968, una “strategia dell’attenzione” nei confronti del Partito comunista che, per la prima volta nella sua storia, aveva dissentito e criticato, pubblicamente, l’Unione sovietica per l’invasione della Cecoslovacchia.

 

E proprio ad Aldo Moro, i dirigenti comunisti consiglieranno di adottare misure precauzionali al suo rientro in Italia, a conferma ulteriore che non ritenevano gli attentati del 12 dicembre frutto di un atto di follia, ma azione pianificata per giungere alla soluzione autoritaria apertamente invocata dagli ambienti più fervidamente anticomunisti.

 

Non avevano torto.

 

Non era, difatti, peregrino il timore di un colpo di mano che spostasse l’equilibrio politico e mettesse fuori gioco, una volta per sempre, il Partito comunista creando le condizioni politiche per seguire l’esempio della Germania federale dove il Partito comunista era da sempre fuori legge.

 

Il 28 febbraio ed il 14 marzo 1990, nel corso di due deposizioni dinanzi alla magistratura, Enzo Generali ricorda che, nel mese di gennaio del 1969, Otto Skorzeny, l’ex colonnello delle Ss germaniche ora collaboratore dei servizi segreti americani ed israeliani, a Madrid, gli aveva preannunciato che, in Italia, si “stava preparando qualcosa di concreto con la partecipazione di militari di alto grado e personalità politiche dell’area di centro-centro-destra”; mi citò in proposito – prosegue Generali – il nome del principe Borghese che era l’uomo che lo aveva reso edotto della elaborazione del golpe, dell’ammiraglio Gino Birindelli, comandante dell’area sud della Nato, i predetti appoggiati da quadri dello Stato maggiore marina…nonché il ruolo del Servizio segreto militare e l’avallo di politici di spicco della Democrazia cristiana di cui non fece i nomi. Il progetto era quello di far cessare autoritativamente l’esperienza del centro-sinistra in Italia e di riassestare l’ordine interno privilegiando l’industria”.

 

Non è, questa, una fantasiosa ricostruzione a posteriori di un millantatore .

 

Al giudice istruttore di Treviso, Giancarlo Stiz, Ruggero Pan rivelerà che, il 19 aprile 1969, nel suo studio a Padova, Franco Freda gli aveva parlato della campagna di attentati che stava conducendo e, riferendosi alle loro finalità, aveva concluso affermando che “non era il caso di prendersi cura della massa né di proporsi subito il problema della qualificazione del nuovo regime”.

 

Affermazione rivelatrice sugli scopi di un’operazione finalizzata a destabilizzare l’ordine pubblico per consentire la proclamazione dello “stato di emergenza”, la sospensione temporanea delle garanzie costituzionali, lo spostamento a destra dell’asse politico.

 

In altre parole, per “stabilizzare l’ordine politico” mediante la “destabilizzazione dell’ordine pubblico”.

 

Millantava anche Franco Freda? Sembra di no.

 

Il 14 gennaio 1978, l’ex capo della polizia, prefetto Angelo Vicari, nel corso della sua deposizione al processo per il tentato “golpe Borghese” del 7-8 dicembre 1970, affermerà testualmente :

 

“La Questura conduceva indagini sul ‘Fronte nazionale’ per una serie di tentativi di colpi di Stato messi in atto prima e dopo la famosa notte del ‘Tora Tora’. Di questi episodi, ripeto, se ne sono verificati più di uno. Il più grave, quello che destò maggiore allarme, avvenne nel luglio del 1969″.

 

È una conferma più che autorevole, stante la personalità e la carica ricoperta dal prefetto Angelo Vicari, per più di 13 anni capo della polizia, che fanno di lui una delle persone più informate d’Italia e, a suo tempo, certamente una delle più potenti.

 

Sempre nel mese di luglio del 1969, un altro personaggio che per posizione sociale, collocazione politica e rapporti con i servizi segreti sovietici e dei Paesi dell’est europeo, era da considerarsi ben informato, Gian Giacomo Feltrinelli, edita un opuscolo di sole 14 pagine, dal titolo “Estate 1969″, che reca come sottotitolo:

 

“La minaccia incombente di una svolta radicale autoritaria a destra, di un colpo di Stato all’italiana”.

 

Nel testo, l’editore scrive che le agitazioni sindacali e la crisi della economia americana “hanno indotto, a nostro avviso, già da alcuni mesi certe forze di destra, a predisporre ed attuare un piano politico e militare preciso, volto ad imporre al Paese una radicale e autoritaria svolta a destra con un colpo di Stato all’italiana.

 

Questi piani e la loro attuazione hanno preso nuovo impulso dalla visita di Nixon in Italia ed è possibile che trovino attuazione nel corso di quest’ estate, facilitati dell’esodo estivo, dal generale disinteresse, dalla impreparazione delle tradizionali organizzazioni operaie (Pci e sindacati), e dalla sostanziale inefficienza di gruppi che si rifanno ad astratti estremismi ideologici e che, in ogni circostanza, rifiutano il discorso politico”.

 

Feltrinelli, infine, specifica che il “colpo di Stato” all’italiana sarebbe “ideato e attuato con la compiacente collaborazione della Cia, della Nato e delle forze reazionarie italiane”.

 

Da una collocazione politica ed ideologica diametralmente opposta, nel mesi di novembre del 1969, la Federazione nazionale combattenti della Repubblica sociale italiana (Fncrsi) diffonde volantini con i quali si invitano i reduci repubblicani a “non farsi strumentalizzare per un colpo di Stato reazionario” .

 

E che di “golpe reazionario” e non “fascista” si tratti lo conferma pubblicamente uno dei suoi fautori, l’ex combattente nella guerra di Spagna contro i franchisti spagnoli e i fascisti italiani, il repubblicano Randolfo Pacciardi.

 

In una lettera aperta al settimanale “Panorama”, pubblicata il 7 agosto 1969, Randolfo Pacciardi ricorda come al presidente della Repubblica, Giuseppe Saragat, “l’art. 92 della Costituzione … dà il diritto di nominare i ministri. Non solo lo può fare – scrive – ma lo deve fare. E se questo governo non ottenesse il voto di fiducia, il Presidente ha la facoltà di sciogliere le Camere. È grottesco ritenere che questo sia un “colpo di Stato” e chi lo ritenesse tale, insorgendo, si metterebbe fuori legge”.

 

E chi, in Italia, sarebbe potuto insorgere, nelle speranze e nelle aspettative di Randolfo Pacciardi e dei suoi amici, se non i comunisti, i soli in grado di poterlo fare per numero ed organizzazione?

 

L’operazione che avrebbe dovuto concludersi in una domenica di sangue, il 14 dicembre 1969, passando per le mancate stragi del 25 aprile a Milano, per gli attentati ai treni della notte fra l’8 ed il 9 agosto, e per le stragi in parte fallite del 12 dicembre, non scaturisce dai piani e dai programmi dell’”eversione nera” alla quale, come abbiamo documentato, nessuno, nemmeno i dirigenti nazionali del Partito comunista fanno mai riferimento.

 

Essa è inserita in una strategia internazionale elaborata da un Paese – gli Stati Uniti d’America – che aveva militarmente sconfitto il fascismo e, dall’immediato dopoguerra utilizzava strumentalmente il neofascismo rappresentato dal Movimento sociale italiano e dalle organizzazioni ad esso collegate.                                 ,

 

Per questa ragione la necessità di giungere alla soluzione del caso Italia, nel senso di garantirsi la fedeltà dei suoi governi e di neutralizzare la minaccia rappresentata dalla costante avanzata elettorale del più forte partito comunista occidentale non si palesa nel 1969 ma percorre tutta la storia postbellica del Paese.